export manager

Perché diventare Export Manager?

L’opinione di Thomas Mancini, l’Export sales manager di Trentadue Marzo

Quando ho preso in considerazione la possibilità di iniziare un processo formativo e professionale per diventare Export Manager, il primo pensiero che mi ha affascinato è stato il rendermi conto che si tratta di una vera e propria professione.

Non un lavoro qualsiasi, non un mestiere oggetto di una domanda di mercato passeggera. Una Professione.

Il percorso formativo

La professione di Export Manager è davvero un’avventura sfidante: si devono conoscere e possibilmente imparare più lingue.

Il percorso accademico che sta alle sue spalle è spesso (ma non necessariamente) di carattere giuridico/politologico/economico.

Questo rende il professionista parte di una categoria eterogenea nella quale imparare da professionisti dalle più diverse estrazioni curriculari e che si approcciano ai problemi in modi sempre diversi.

Le caratteristiche necessarie per essere un buon Export Manager

Tra le caratteristiche necessarie per affrontare le sfide quotidiane che gli – o le – si pongono davanti, questa figura deve possedere ed affinare una caratteristica fondamentale: l’empatia.

Capire le necessità di una rete commerciale estera, spesso proveniente da Paesi dalle caratteristiche culturali diverse, ed immedesimarsi nelle problematiche che ogni cliente potrebbe avere, richiede un grande sforzo di concentrazione, flessibilità mentale, calma, attitudine al problem solving.

Il tutto, ovviamente, in tempi rapidi! Clienti felici sono clienti fedeli e in questo contesto niente è più prezioso del tempo.

Perché diventare un Export Manager?

L’Export Manager è senza ombra di dubbio il ponte tra il tessuto imprenditoriale italiano, composto da PMI, e le enormi potenzialità del mercato estero.

Scegliere di intraprendere questo percorso professionale significa avere grandi possibilità di crescita e, soprattutto, di soddisfazione personale e professionale.

Le opportunità di crescita sono molte e diverse: frequenti trasferte all’estero, un ambiente di lavoro internazionale e la possibilità di creare ricchezza e valore aggiunto rendono questa professione tra le più sfidanti, entusiasmanti e soddisfacenti del mondo lavorativo!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp