export-manager

Cosa fa un export manager?

L’export manager è una persona incaricata di gestire e organizzare il progetto di esportazione di un’azienda.

Questa figura, che può essere interna o esterna all’impresa, possiede delle caratteristiche particolari e specifiche che la rendono un perno centrale dell’intero processo di internazionalizzazione.

Chi è l’export manager?

Il termine Manager deriva dal verbo inglese “gestire”. Non a caso è colui che coordina il lavoro di un team con l’obiettivo di raggiungere un traguardo specifico.

Un manager in altre parole è colui che ha competenze tecniche peculiari all’ambito che gestisce: nel caso dell’export conosce i mercati internazionali e la relativa politica di tassazione, ha capacità strategiche per l’introduzione e il consolidamento dell’azienda nei Paesi individuati ed è in grado di definire le linee di azione in base alle necessità e alle direttive della politica export della ditta.

Non solo: per un export manager è fondamentale saper identificare e selezionare le principali opportunità di business, coordinando il progetto di promozione sul mercato estero.

Non un semplice venditore

Un export manager è in altre parole un venditore? Decisamente no. Questa figura non solo deve sapersi interfacciare con gli aspetti legali dell’attività e avere nozioni di marketing internazionale: deve possedere capacità di negoziazione ma soprattutto conoscere gli aspetti culturali, sociologici e antropologici dei Paesi in cui opera.

Non è un caso che la negoziazione internazionale sia una disciplina complessa: unendo le competenze tecniche proprie del commercio ad altre trasversali si raggiunge quel livello manageriale proprio di questa figura che fa la differenza per un buon progetto di export!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp